Il corpo in relazione

Siamo stati abituati da una tradizione antica ad immaginarci nell’essenza coscienza o spirito. In realtà, la nostra è una mente incarnata che si tende carnalmente al mondo.

Attraverso il corpo, e solo attraverso di esso, siamo coinvolti in un processo infinito di percezione, relazione, conoscenza e cambiamento.

Se, come afferma la teoria della Gestalt, il sé è la funzione con cui l’organismo contatta il mondo, in tutti i suoi aspetti (Io: l’azione, Es: la percezione, Personalità: l’apprendimento) il sé è fondamentalmente corporeo.

La percezione visiva ed acustica è esperita soggettivamente da una prospettiva radiale il cui centro è il corpo stesso.

La capacità di distinguerci  dall’ambiente nasce nella vista e nell’udito dalla posizione (del corpo) nel campo, e nel tatto dalla singola o doppia sensazione (corporea).

Ogni contenuto di coscienza (sia esso percezione,  emozione, fantasia, pensiero o ricordo) trae origine dalla relazione – corporea , spaziale e temporale – con il mondo della vita, ed ognuno di essi (anche quelli più astratti) è accompagnato immancabilmente da sensazioni evidenti o sottili che, se ascoltate, evolvono in emozione e azione.

L’emozione, che accompagna o segue le sensazioni, ci dà la comprensione immediata della situazione presente, specificamente del suo valore in termini di bene e di male (fisicamente corrispondenti al piacere ed al dolore), e indicazioni viscerali sul come pragmaticamente e fisicamente agire.

Il bene ed il male, l’etica stessa, conseguono in ultimo dall’estetica, dai sensi, dal corpo.

Il corpo è lo strumento della consapevolezza, della scelta e dell’azione.

In ogni interazione, le risonanze corporee danno la conferma della realtà e della qualità del contatto (incontro) o della distanza, del tipo e del calore della relazione, delle sue intenzionalità superficiali e nascoste, della verità o della inautenticità.

Attraverso la congruenza tra verbale e non verbale può essere costruito il fondamentale rapporto di fiducia che è alla base dell’influenza e della crescita.

Attraverso il corpo, la madre porta il bambino al mondo e il mondo al bambino.

Il loro diretto interagire, il contatto fisico, le espressioni pre-verbali, la reciproca vibrazione emozionale, il sintonizzarsi del respiro, le interazioni giocose costruiscono le basi della autoregolazione emotiva, la gestione dell’ansia, i colori fondamentali del mondo dell’infanzia che si proietta all’età adulta, il senso dell’identità, l’acquisizione progressiva di competenze.

L’interazione corporea (intercorporeità) di reciproca influenza e trasformazione, continua per tutta la vita, con le persone significative, in primis la famiglia, ma anche l’amicizia, il lavoro, e le relazioni di sostegno (coaching, counseling, psicoterapia).

Ogni parte del corpo ha un intrinseco significato funzionale e simbolico, oggettivo e soggettivo insieme, e ha un messaggio, proprie cose da dire (le mani danno e prendono, la gola fa spazio o meno al messaggio, il cuore batte il ritmo della vita, lo stomaco ci dice ciò che è buono o buono non è, la postura è la scultura rivolta al mondo, ecc…).

Dal corpo emerge l’implicito e il senso del tempo, i segni del passato, le sfumature del presente, il profilarsi del futuro.   Nel qui ed ora del corpo possiamo contemporaneamente vedere l’intenzione di calma ed armonia e la tensione che sfugge al controllo, l’espressione che esprime la paura (ad esempio negli occhi) o il gesto che fa trapelare il desiderio (ad esempio il porgersi in avanti).

Il corpo racconta la storia (postura, rughe, gestualità …), è il libro illustrato delle passate esperienze ed interazioni,  è un messaggio, a noi stessi ed al mondo, dell’idea che ne abbiamo e dell’identità conseguita nel tempo.

Nel corpo, nel gesto interrotto e nell’impulso nascente, leggiamo il futuro, l’intenzionalità, ciò di cui abbiamo bisogno (ma che non osiamo chiedere), e ciò che vogliamo diventare.

Categorie

SCUOLA GESTALT COACHING

INVESTI SU TE STESS*
DIVENTA CHI MERITI DI ESSERE

La Scuola Gestalt Coaching di Torino è un Istituto di formazione alla attività di
Coaching per lo sviluppo delle competenze e delle potenzialità, e il raggiungimento di obiettivi vitali per l’individuo, il team e l’organizzazione.

Articoli correlati
È sorprendente che in un universo termodinamico, governato dalle leggi di conservazione dell’energia e di aumento dell’entropia, alcune parti si organizzino in sistemi complessi,
Parlare di corpo in Gestalt significa anzitutto superare la dicotomia mente-corpo, anche nell’accezione usata dalla psicosomatica: non esiste un’ influenza della mente sul corpo
Vivo di sport da quando avevo sei anni e mi nutro di questa passione, con la convinzione che sia la maniera più completa che

Fissa il tuo appuntamento

Compila il form con i campi qui sotto, ti ricontatteremo entro 24/48 ore

Sabato 26 Novembre

OPEN DAY

Orizzonti: Coaching o Counseling?

Scegli la Tua Formazione e Diventa chi Sei!